Stufato bianconero. Ricetta di una volta?

Il signor Lippi,

quello del mondiale 2006 vinto in Germania, si è stufato.

Si è stufato se qualcuno gli critica di non avere convocato in Nazionale il giocator Cassano, quello che sforna assist e reti ogni domenica da 2 anni a questa parte

(in sostanza dal mondiale in poi).

Se si accetta il concetto per cui un bravo giornalista è colui che vede la realtà delle cose,le analizza e fa domande per metterle in luce, se ne deduce che se i fatti continueranno a far vedere un Cassano in strepitosa forma, egli (il giornalista) per adempiere al suo dovere dovrà per forza far risaltare questa realtà facendo domande a chi sembra proprio non vedere,ovvero al signor Lippi.

In sostanza il giornalista non potrà mai stufarsi semplicemente perchè la sua professione non glielo consente.

A questo punto, perchè Lippi non si stufi ci sono 2 possibilità:

1) Il giornalista non fa il giornalista.

2) Lippi fa il bravo allenatore, anzi selezionatore che è un’altra cosa.

Questo significa che se tutti e due facessero semplicemente il loro dovere, non esisterebbe concetto di “stufo” che li riguardi.

Analizziamo allora alla  rovescia. Chiediamoci chi è che in questo momento sta facendo il proprio dovere.

Cassano indubbiamente sì, gioca segna e fa assist, fa quindi anche fin troppo il suo dovere.

Il giornalista che chiede di Cassano in Nazionale di conseguenza sta facendo il suo dovere, perchè analizza la realtà delle cose e le riporta.

Il tifoso della Nazionale che ama il calcio e vorrebbe vedere grandi giocate di fantasia al mondiale sta facendo il suo dovere, ci mette passione e sogna.

E allora chi è che non lo sta facendo ?

Signor Lippi, forse è il caso che cominci a fare il tuo mestiere seriamente e più che preoccuparti di non stufarti, dovresti preoccuparti che noi non ci si stufi.

Non ci si stufi del modo che hai di concepire il calcio, fatto di arroganza e di comportamenti che fanno pensare a compromessi o ammiccamenti nei confronti di chi comanda il pallone.

Non ci si stufi di quel solito sospetto che non vuole passare, perchè con le tue scelte non riesci a farcelo passare, che la tua presenza in nazionale possa essere un triste rimasuglio di un’epoca che vorremmo tutti alle spalle, quella di calciopoli e che coinvolse anche tuo figlio.

Siamo stufi di gente che non dimostra di amare il calcio almeno quanto noi e non riesce a schierarsi dalla nostra parte almeno per dimostrarci che il calcio è prima di tutto una proprietà nostra,una proprietà dei tifosi.

Siamo noi quindi che possiamo stufarci.

E stufarsi signor Lippi è solamente nel diritto  di chi fa il proprio dovere e risponde a testa alta alla propria coscienza.

58 thoughts on “Stufato bianconero. Ricetta di una volta?

  • 8 Ottobre 2009 at 02:56
    Permalink

    Quoto tutto e sottoscrivo alla grande.
    Spero che se ne accorga prima del mondiale, altrimenti facciamo una figura di m***a colossale.
    Immaginatevi se non superiamo il girone iniziale… noi, i campioni del mondo.
    Speravo avesse imparato qualcosa dai risultati della Confederation, ma a quanto pare mi sbagliavo.

    Reply
  • 8 Ottobre 2009 at 08:59
    Permalink

    Mah. Io personalmente Cassano lo porterei.. Pero’ capisco anche che un ct che ha vinto la coppa del mondo sia convinto di saperne piu’ degli altri. In fin dei conti dopo essersi dimesso da campione e’ stato rimpianto e richiamato..quindi se pensa che nessuno possa dirgli niente come si fa a dargli torto..  Anche se e’ palese, come dice l’ articolo, che la scelta non e’ tecnica..ma strascico di antichi rancori.

    Reply
  • 8 Ottobre 2009 at 11:09
    Permalink

    “In fin dei conti dopo essersi dimesso da campione e’ stato rimpianto e richiamato..quindi se pensa che nessuno possa dirgli niente come si fa a dargli torto..”

    Il Signor Lippi si è dimesso perchè conscio di non potersi ripetere nel breve, cioè agli Europei, lasciando la patata bollente al buon Donadoni che, alla fine, è stato eliminato ai rigori dalla Spagna campione e da lì occorreva ripartire.
    Non è stato affatto rimpianto, bensì, con l’aiuto di chi gli copre le spalle, ha fatto le scarpe a Donadoni e “si è fatto richiamare” per ricominciare da dove aveva lasciato, che è una triste prospettiva perchè, ogni volta che abbiamo affrontato i successivi Mondiali da campioni in carica e con lo stesso all. del mondiale precedente, sarà l’attaccamento, sarà la nostalgia, sarà il non voler accogliere determinati volti nuovi, quella squadra non è mai riuscita nè a ripetersi nè ad andare vicino al titolo.
    Intanto……………………………..”GODO” ALFANO!

    Reply
  • 8 Ottobre 2009 at 11:09
    Permalink

    per lippi l’importante e che ci sia tutta la juve in nazionale e vedrete se prima del mondiale non chiamerà del piero e amauri e lascerà a casa cassano. è un bravo allenatore ma la sua arroganza è altrettanto grande. poi dicono di mourinho…..

    Reply
  • 8 Ottobre 2009 at 13:39
    Permalink

    x bonimba
    Come ben sai, io sono molto poco propenso a credere ai fantasmi…ma tu sei ovviamente libero di avere un altra opinione. Rimane il fatto che Lippi ha vinto.. gli altri no. E pertanto non e’ disposto a sentirsi dire come fare il suo lavoro da chi non ha vinto. Non mi sembra cosi’ assurdo…

    Reply
  • 8 Ottobre 2009 at 17:44
    Permalink

    Abbiamo vinto il mondiale 2006 con la selezione piu’ scarsa di tutta la storia della nazionale. Il sigor Lippi ha un culo enorme, forse gli hanno portato fortuna gli occhiali stile Bearzot, la Francia ci ha fatto il mazzo a strisce il secondo tempo e se non era per Materazzi che insultava Zinedine avremmo perso la finale un’altra volta. Se ricordate bene il mongolo non faceva giocare un certo signor Baggio e non c’è da meravigliarsi se non convoca Cassano. Con la Juve ha vinto grazie a Moggi che gli spianava la strada e si è visto quello che ha combinato all’inter quando non aveva piu’ Moggi dalla sua parte. Alla confedaration cup dell’estate si è visto tutta la sua bravura. La cosa è una sola: Lippi non capisce un cazzo di calcio.

    Reply
  • 8 Ottobre 2009 at 18:04
    Permalink

    …riposto me stesso : 

    ” Rimane il fatto che Lippi ha vinto.. gli altri no.  “

    Reply
  • 8 Ottobre 2009 at 20:43
    Permalink

    Vorrei partire dal fatto che “Dardaniello” non scrive moltissimi articoli ma quelli che scrive sono sempre molto interessanti..per quanto riguarda lippi,per me è già stato uno sbaglio richiamarlo,figuriamoci il fatto di non convocare Cassano,si è vero è un vincente,ma questo non gli dà il diritto di non convocare un campione solo perchè gli stà sulle palle personalmente, la nazionale NON è personale,ma come dice la parola stessa è NAZIONALE….capito caro signor Lippi??? Cassano ITALIANO no, ma Amauri(itabrasiliano juventino) che non segna da 250 giorni SI…….

    Reply
  • 9 Ottobre 2009 at 08:55
    Permalink

    Sono d’ accordo. meglio Cassano che Amauri. Anche il fatto che non lo convochi solo per motivi suoi e’ assurdo. Pero’ joker non ha tutti i torti.. nel senso che al limite non andava richiamato Lippi. Una volta che e’ li’ fa come vuole lui.E’ suo diritto scegliere

    Reply
  • 9 Ottobre 2009 at 09:05
    Permalink

    “Non ci si stufi di quel solito sospetto che non vuole passare, perchè con le tue scelte non riesci a farcelo passare, che la tua presenza in nazionale possa essere un triste rimasuglio di un’epoca che vorremmo tutti alle spalle, quella di calciopoli e che coinvolse anche tuo figlio.”
    Non ci sono parole.
    Di ciò che ha fatto il figlio, chi se ne fotte.
    Lippi non è un mafioso o un delinquente, Lippi è un allenatore. Un grandissimo allenatore. La vostra faccia di cazzo seduta in panchina deve farne di strada per poterglisi accostare. Il triste rimasuglio è diventato campione del mondo. Campione del mondo prima di club, poi di selezioni nazionali, è l’unico della storia. Siete interisti ed avete rosicato tantissimo nel vedere Lippi con la coppa in mano e così tanti juventini (i ladroni, quelli che non sanno vincere per merito…) in campo a Berlino, ma non scrivete sciocchezze sugli allenatori: non stiamo parlando di un Mourinho o di un Mancini qualsiasi, stiamo parlando di qualcuno che resterà nella storia del calcio, e che ha vinto portando avanti le sue scelte.
    Anche a me piace Cassano, ma vogliamo ripercorrere ciò che ha fatto in campo internazionale (club e Nazionale)? Zero spaccato, compresi gli Europei del 2008. Io dico: speriamo che sia convocato e che sia il salvatore della Patria, ma non ho certezze nè sulla prima, nè sulla seconda.
    Per finire, una domandina semplice semplice: se Lippi è un triste rimasuglio di un’epoca, come si giudica la nomina a Ct di Roberto Donadoni, amicone del commissario Albertini?
     

    Reply
  • 9 Ottobre 2009 at 10:34
    Permalink

    Questa cosa non e’ possibile Juve1967.  Gli altri rubano e/o hanno culo. Solo loro sono bravi. E quando vincono e’  un calcio  pulito, quando perdono e’ colpa dell’ arbitro.

    Reply
  • 9 Ottobre 2009 at 11:16
    Permalink

    Juve non scherziamo per favore….

    Cassano in nazionale quando chiamato in causa è stato sempre l’unico a salvarsi, vedi le ultime due edizioni degli europei, a confronto dei totti e del piero sempre e comuqnue anonimi in nazionale.

    Lippi è un allenatore che ha il culo rotto, vincere il mondiale giocando in quella maniera e con quel culo non l’ho visto molto diverso dal tedesco che ha vinto gli europei con la grecia.

    con il tuo metro di giudizio Rehhagel sarebbe meglio di Lippi (ne sono certo). Inoltre Mourinho non potrebbe mai vincere il mondiale semplicemente perchè non è nelle sue mire diventare un ct.

    Reply
  • 9 Ottobre 2009 at 12:28
    Permalink

    ” Lippi è un allenatore che ha il culo rotto, vincere il mondiale giocando in quella maniera e con quel culo non l’ho visto molto diverso dal tedesco che ha vinto gli europei con la grecia. ”

    Oba stiamo parlando veramente del nulla. Quante volte ti e’ capitato di vedere un ct che vince il mondiale con una squadra che gioca calcio champagne ?  E’ sempre questione di carattere, motivazioni, scelte, e culo. E visto che Donadoni aveva profondamente deluso sia nel gioco che nei risultati, e’ stato richiamato l’ unico disponibile sulla piazza di un certo livello. Poi e’ naturale che le probabilita’ di vincere 2 mondiali in fila sono 1 su 1 milione.. ma la sfilza di risultati utili ottenuta da Lippi non si vedeva in azzurro da quando la tv era in bianco e nero. In piu’ vorrei capire una cosa.. se il ct ha culo..e la squadra vince..e’ un problema ? Meglio un ct sfigato ? Boh

    Reply
  • 9 Ottobre 2009 at 13:36
    Permalink

    Oba, solo due annotazioni: Cassano, da sorpresa assoluta, è stato l’unico a salvarsi agli Europei del 2004, nel 2008 non vorrei sbagliarmi ma ha giocato almeno 3 partite su 4, se n’è stato largo a sinistra tutto il tempo e non ha fatto un tiro in porta, nè assist visto che segnammo solo su calcio piazzato. Questa cosa venne sottolineata, all’epoca, praticamente da tutta la stampa, adesso viene dimenticata la scarsa incisività di Cassano in campo internazionale. Contemporaneamente, un Del Piero capocannoniere del campionato appena finito giocava sì e no 60 minuti in tutto il torneo, e qui nessuno ebbe mai nulla da ridire, sempre perchè si guarda il bianconero sotto l’azzurro della Nazionale. Ad ogni buon conto non sono assolutamente contrario a Cassano, se deve andare in Sudafrica un Quagliarella o quella mezza sega di Rossi Cassanon non può mancare, ma non per questo è automaticamente un reato da pena capitale non convocarlo.
    Secondo, il culo di Lippi ed il calcio-champagne. Lippi ci ha fatto divertire tanto con la Juve, le nostre partite erano sempre belle da vedere, ma per la Nazionale ti cito solo una partita: semifinale di Dortmund contro i tedeschi, abbiamo vinto 2-0 ed abbiamo dominato. Ricordami quando hai visto qualcuno giocarsi una semifinale di un Mondiale contro la squadra di casa e vincerla dominando.
    Lippi ha vinto il Mondiale, ha perso una partita nel 2006 e poi mai più fino alla Confederations Cup: solo culo?

    Reply
  • 9 Ottobre 2009 at 13:48
    Permalink

    Mi ero perso le perle di saggezza di Serrosk.
    Selezione più scarsa della storia: Buffon, Nesta, Cannavaro, Toni scarpa d’oro, Totti, Del Piero, Pirlo, Zambrotta… hai ragione, per essere una grande squadra mancava qualche piedino di marmo tipo Marini, Oriali o Beppe Baresi.
    La Francia ci ha fatto il mazzo a strisce, se non era per Materazzi… cioè l’ultimo stronzo in campo. Che dovrei dirti, che stavamo uscendo con l’Australia perchè il tuo pennellone si fece buttare fuori, tanto per cambiare?
    Il mongolo non faceva giocare Baggio: il mongolo ha avuto le palle di mettere fuori, alla Juve, un Pallone d’oro e di lanciare un ragazzino di nemmeno 20 anni, e ha avuto ragione da vendere…
    Le cazzate su Moggi te le risparmio, sei il solito interista che aveva una squadra di merda e da la colpa agli altri, invece di prenderne atto. Ti propongo come Ct al posto di Lippi che non capisce un cazzo.
     
     
     

    Reply
  • 9 Ottobre 2009 at 13:48
    Permalink

    “”Non ci sono parole.
    Di ciò che ha fatto il figlio, chi se ne fotte.””
    …in realtà dovrebbe interessare a tutti i tifosi della nazionale visto che evidentemente le convocazioni di lippi padre non prescindono dalla vicende delinquenziali di lippi figlio…. 

    Reply
  • 9 Ottobre 2009 at 13:55
    Permalink

    Già, perchè tu avresti convocato Di Loreto al posto di Cannavaro nel 2006…

    Reply
  • 9 Ottobre 2009 at 14:43
    Permalink

    ..bisogna prendere atto del fatto che il discorso puo’ partire da qualunque parte.. nazionale..campionato.. tennis…non ha importanza. Se un asteroide si schianta sulla terra e’ colpa di Moggi.. magari un po’ anche di Meani…Berlusconi sta manipolando i media..e se un bambino si salva dopo un trapianto di fegato il dottore e’  sicuramente interista .     Che Lippi non convochi Cassano per questioni magari disciplinari ( come e’ successo anche con Panucci, tanto per fare un esempio) non e’ possibile. Del fatto che le scelte di Lippi dipendano da eventuali vicende del figlio non c’e’ nessuna prova. Ma non servono..perche’ qui con l’ arguzia e l’ intuito geniale si sopperisce alla necessita’ di dimostrare qualsiasi cosa. L’ importante e’ sputare forte…e continuare intensamente a credere che un se un ct juventino ha vinto il mondiale non e’ possibile che sia anche un pochino bravino. Avra’ avuto tanto culo..si giocava malissimo..e forse Moggi lo ha aiutato anche li’ senza farsi sgamare. Dovrebbe andare a casa..e lasciare il posto a qualcuno dal passato nerazzurro che non ha mai vinto nulla perche’ era sfortunato e non aveva favoritismi.

    Reply
  • 9 Ottobre 2009 at 16:02
    Permalink

    Che bravi a non capire un cazzo (visto che questa è la terminologia che usate)!
    Mi astengo dal ripetermi su quanto in passato enunciato su Baggio, quella cosa inutile di Del Piero (capocannoniere coi gol su punizione e rigore, più qualche contropiede, cosa te ne fai in nazionale quando ha avuto mille chance fallendole tutte?), su Cassano (che c’entrano i problemi disciplinari: mica te lo devi sposare, ti serve per sei/sette gare mondiali), su Lippi, Materazzi ecc..
    Basta ricordare ai soloni anti.interisti che qui nessuno sta pretendendo un ct o una squadra nerazzurri: la vostra pochezza sportiva e mentale, e le vostre contraddizioni (infatti: è difficile vincere due mondiali di seguito, grazie, lo sapevamo, appunto per questo non era il caso di insistere con lo stesso allenatore, odiato da mezza italia perchè sono noti i suoi colori di merda!), non vi fanno accettare la realtà: abbiamo fatto la figura di super-merda alla Confederation, mentre venivamo da un Europeo che per poco non si vinceva, l’ultimo che stavamo per vincere risale a Zoff, che si è dimesso (sbagliando!) solo perchè ha sentenziato sulla marcatura di Zidane quel genio di AL TAPPONE di Arcore.
    Tant’è che noi riconosciamo i galantuomini anche quando hanno un passato dai colori odiati, ed è per questo che rimpiangiamo in Nazionale allenatori educati e SIGNORi quali Zoff e Donadoni !!! Sempre e solo abbasso RuBentus e BBilan!

    Reply
  • 9 Ottobre 2009 at 16:21
    Permalink

    ..come volevasi dimostrare.. 😉

    Reply
  • 10 Ottobre 2009 at 09:06
    Permalink

    “Lippi non è un mafioso o un delinquente, Lippi è un allenatore. Un grandissimo allenatore. La vostra faccia di cazzo seduta in panchina deve farne di strada per poterglisi accostare. Il triste rimasuglio è diventato campione del mondo. ” Qui non sono proprio d’accordo…paragoniamoli:
     Lippi :
    5 Scudetti
    1 Coppa Italia
    4 Supercoppe Italiane
    1 Chempions League
    1 Supercoppa Europea
    1 Coppa Intercontinentale
    1 Campionato del Mondo con Italia

    Mourinho:
    Campionati Nazionali (3 diversi): 5
    Coppe Nazionali (2 diverse) : 2
    Supercoppe Nazionali (3 diverse): 3
    Coppe di lega inglese: 2
    Champions: 1
    Coppa Uefa: 1

    Ovviamente lui non ha mai allenato una nazionale,e consideriamo pure che è molto più giovane di Lippi…quindi la nostra faccia da cazzo non mi sembra proprio male…Lippi non è un mafioso(forse),ma il figlio si e come si dice…tale padre tale figlio..o no??


    secretly

    Messaggi: 146
    Iscritto il: 31 lug 07

    Reply
  • 10 Ottobre 2009 at 11:21
    Permalink

    l intervento di vasco e’ molto interessante. Anch’ io credo che Lippi e Mou siano molto simili dal punto di vista vittorie. Dal punto di vista onesta’, pero’, non mi sembra giusto accusare Lippi di qualcosa senza prove. E riguardo l’ atteggiamento, sempre ricordando il paragone con Mourinho , beh anche il portoghese quando un giornalista l’ ha criticato troppo gli ha risposto ” fai tu la formazione io li faccio giocare e vediamo se vinci “.  Aveva ragione, secondo me. Come oggi ha ragione Lippi. Quando a uno si da’ un incarico si guarda i risultati. Il resto sono chiacchiere.

    Reply
  • 10 Ottobre 2009 at 15:14
    Permalink

    Bonimba, tu che sai tutto e capisci tutto, spiegami una cosa: perchè tutti volevano Baggio in Nazionale a 37 anni, mentre nel 1994 negli Usa nemeno volevano vederlo in campo, fin quando mise dentro il primo pallone decisivo? Per i suoi colori di merda. Perchè non volete Lippi, campione del mondo? Per i suoi colori di merda. E’ una valutazione onesta, quella basata sui colori di merda? Se sì, smettiamola di discutere perchè non c’è nulla da discutere: a questo punto, voglio ancora di più Lippi perchè, dopo l’esonero di Moratti, ha avuto il coraggio di dire che gli avete sempre fatto SCHIFO, come fate schifo a più del cinquanta per cento degli italiani. Non paragonare Zoff, Donadoni o quella faccia di specialcazzo sulla vostra panchina a Lippi, se consideri ciò che hanno realizzato loro in carriera rispetto a ciò che ha fatto il Sommo, non valgono nemmeno i peli dei coglioni di Lippi, così come in politica (interisti e di sinistra, la tara è la stessa…) si deve dire lo stesso se vai a confrontare che cazzo hanno fatto i leader sinistroidi di concreto nella loro vita rispetto all’omino di Arcore…
    P.S.: stavamo quasi VINCENDO gli Europei del 2008? Quali, quelli in cui Buffon parò il rigore a Mutu al 90° e facemmo sempre schifo, o quelli che ti sei giocato su xbox?

    Reply
  • 10 Ottobre 2009 at 17:16
    Permalink

    se c’è qualcuno cha fa schifo agli italiani e in percentuale molto maggiore……diciamo 75% ? questo è lo juventino quindi per favore lascia perdere questo argomento. se lippi ha detto che gli facevamo schifo perchè è venuto a prendere i soldi di moratti? lippi sarà pure un buon allenatore (non selezionatore) come del resto mou (parlano i risultati) ma se mou stà antipatico bhè…….. è una bella guerra con il signor decido io , mi avete stufato lippi !!!!!

    Reply
  • 10 Ottobre 2009 at 17:18
    Permalink

    p.s. lascia perdere la politica con il calcio che non centra un cazzo…..

    Reply
  • 10 Ottobre 2009 at 18:09
    Permalink

    Beh, non credo che faccia più schifo la Juve del’Inter, oltre a noi juventini chiedi pure a quei quattro tifosi rossoneri in giro chi sta più sulle palle, se noi o voi… penso che si supera il 50% dei tifosi. Perchè Lippi è venuto a prendersi i soldi? Perchè è il suo lavoro, come lo zingaro che ha detto che non voleva più rimanere, che ne aveva abbastanza ed è andato a Barcellona a baciarsi la maglietta. I vostri discorsi mi convincono che voi non parlate mai di calcio, ragionate sempre col metro “io sono il migliore, io sono il buono, io il Santo… il resto, merda”. La politica non c’entra col calcio ma non l’ho messa in mezzo io, leggiti bene tutti gli interventi: è perlomeno curioso il fatto che la maggior parte di voi interisti sia antiberlusconiana e che, come avviene in politica (che non c’entra un cazzo col calcio), vi scandalizzate e fate i moralisti sui comportamenti degli altri senza guardare quel che fate voi. Dice Hu-Ha “evidentemente le convocazioni di lippi padre non prescindono dalla vicende delinquenziali di lippi figlio…”, ma se io dico che evidentemente Moratti non poteva non sapere dei passaporti falsi, dei falsi in bilancio (che firmava lui), dei fondi Saras all’Inter, dell’allibratore mafioso frequentatore abituale della Pinetina, tutti fatti che non prescindono dal consenso di Moratti stesso, sono un pazzo visionario perchè voi siete i Casti e Puri. Se dico che evidentemente il proprietario del telefono (Tronchetti Provera) non poteva non sapere delle intercettazioni al mondo del calcio, ed evidentemente non poteva non dirlo al suo socio e coproprietario dell’ Inter, implicitamente informato del fatto che certe comunicazioni sarebbe stato meglio farle, che so, con i segnali di fumo, oppure chiamando col cellulare del magazziniere al numero della cugina della moglie di Bergamo (sto dicendo dei nomi a caso), mi direte tutti che sto scrivendo un film di fantascienza e farete a gara a chamare la neuro. Probabile pure che abbiate ragione, ma ti faccio una domanda: il calcio con il suo indotto rappresenta, attualmente, il 2% del PIL dell’intera Unione Europea. Montagne di soldi che circolano, su cui mettere le mani.
    Come fai a pensare che un imprenditore come Moratti abbia investito ed investa centinaia di milioni in questo settore senza assicurarsi, in qualche modo, un ritorno? Veramente vogliamo pensare che, nel calcio, ci sia qualcuno che vada a spendere soldi con lo spirito olimpico “l’importante è partecipare”? Se veramente credete questo, allora la neuro serve più a voi che a me.

    Reply
  • 10 Ottobre 2009 at 21:26
    Permalink

    ma che razza di ragionamenti fai juve1967? se i BBilanisti odiano piu noi che voi è perchè siamo i cugini e poi basta con le scuse non mi aspetto che tu dica:”la mia è una squadra di ladri(come è in realtà)” ma almeno taci e ammetti che moggi ha rubato. dovevano radiarvi dal calcio e vi hanno solos spedito in serie b riducendovi tra l’altro la pena. dovreste vergonarvi gobbi ladroni!

    Reply
  • 11 Ottobre 2009 at 12:38
    Permalink

    ” se i BBilanisti odiano piu noi che voi è perchè siamo i cugini ”

    Caro ” cugino “.. non hai capito niente. La differenza tra molti interisti ( non tutti, fortunatamente) e gli altri e’ che voi siete gli unici convinti che se non vincete e’ sfortuna o disonesta’ altrui. I ” cugini ” milanisti osservando la Juventus vedono cio’ che solo voi non vedete. E cioe’ che, al di la’ di colpe che fin ora sono state date per scontate solo in un tribunale sportivo di dubbia composizione, era una squadra davvero tosta..mentre l’ Inter di quei tempi faceva schifo. Ed e’ chiaro a tutta Italia, inoltre, come il continuo sforzo economico di Moratti, unito ad un esperienza che all’ inizio non aveva ,ed al progressivo indebolirsi delle concorrenti, abbia portato alla vittoria di scudetti che io considero certamente meritati. Ma che dimostrano anche come il campo, alla fine, conti molto piu’ delle parole.
    E tieni presente, tu ed i tuoi amici, un altra cosa. Se vuoi fare il tifoso , sei liberissimo di vedere sempre tutto in una direzione sola. Ma non ti aspettare di essere preso anche per intelligente… perche’ i due atteggiamenti non collimano mai.

    Reply
  • 11 Ottobre 2009 at 21:24
    Permalink

    ma sentilo…se la juventus allora era la piu forte noi ADESSO siamo i piu forti quindi fareste meglio a tacere. e poi venite sempre a dirci che in europa non vinciamo niente ma la juventus di cui tanto parli tu e i tuoi amici gobbi in europa nemmeno vinceva anche se in italia dominava…inoltre se per te calciopoli è una cosa dubbia allora siamo a posto!ti do un consiglio vai a rivederti la partita juventus-inter del ’98 e poi vediamo se parli ancora. se non vuoi andare su you utbe ti basta aprire la pagina di ronaldo(cosi magari vedi anche di cosa era capace quello vero e non quello sovrappeso che berlusca vi ha comprato solo per operazioni di marketing(osi come ronaldinho tra l’altro ma finchè voi continuerete a parlarne come se fosse ancora quelllo dei tempi del barça non potrete lamentarvi della gestione di berlusca)e poi finto il video digiti li. quello che fa la figura di non intelligente sei tu che smentisci calcipoli ma questo per via dei media che vi manipolano avendo voi e i gobbi i giornali e mandandovi un’immagine diversa dalla realtà

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 09:24
    Permalink

    “Come fai a pensare che un imprenditore come Moratti abbia investito ed investa centinaia di milioni in questo settore senza assicurarsi, in qualche modo, un ritorno? Veramente vogliamo pensare che, nel calcio, ci sia qualcuno che vada a spendere soldi con lo spirito olimpico “l’importante è partecipare”? Se veramente credete questo, allora la neuro serve più a voi che a me.”

    Com’è bello vedere i paralleli con la politica: questa stessa affermazione che prende per pazzi imbecilli coloro che non credono allo “spirito sportivo” che può avere un vero tifoso ricco, applichiamola per favore alla “discesa in campo” di AL TAPPONE, perchè i suoi adepti credono che il loro vate non abbia avuto o cercato un “ritorno”, ma lo abbia fatto per il bene della collettività….e di fronte a tali verità oggettive quelli considerati di sinistra (magari sono solo anti-illegittimità berlusconiane) dovrebbero vergognarsi delle “mancanze” dei loro politici?
    Baggio nel ’98 aveva segnato oltre 20 gol col Bologna, ma per i media e i juventini era normale che dovesse partire dalla panchina per far spazio a Del Piero, mentre prima con la Juve era un intoccabile, a 36 anni lo si voleva pure in Nazionale perchè in giro non c’era granchè, del resto voi juventini non volete ancora Del Piero nonostante non se ne avverta proprio il bisogno?
    Quando ero molto molto giovane e la Juve vinceva gli scudetti all’ultima giornata rubacchiando a destra e a manca, e vi assicuro che non c’erano i servizi tv di adesso ma una breve carrellata alla domenica sportiva, negli anni settanta perse così pure uno scudetto il Milan (non quello degli olandesi) sconfitto a Verona, e milanisti e interisti solidarizzarono nell’odio contro i bianconeri, cosa che si ripetè negli anni quando a pagarla verso il potere Boniperti-Fiat si trovarono laziali, torinisti, fiorentini, parmigiani e romanisti.
    Adesso che siete convinti che tutti sono antiinteristi, dimenticate che questo risultato potrebbe venir fuori, se vero, dalle manipolazioni quotidiane che dal dopo calciopoli si annidano nel nostro calcio: stravolgere sempre la realtà anche con falsi scoop a cui potete credere solo voi (come quelli usati in politica: vero LITTORIO Feltri?), manipolare ad arte le interviste, le moviole ecc., insomma far passare le vittime di calciopoli in carnefici ed, invece di scusarsi, attaccare a beneficio dei propri tifosi idioti (dal greco idiota-idotes, che vuol dire “uomo comune”) gli scudetti consecutivi e meritati dell’Inter. Come si può, infatti, sentirsi dire ancora: il primo scudetto era regalato (di cartone!), il secondo non c’era la Juve (ergo, non lo avreste vinto), il terzo lo avete rubato alla Roma (mai stata in testa in classifica), il quarto…..bè, il quarto lo avete rubato lo stesso perchè secondo le nostre classifiche e giornali-moviola doveva vincerlo il Milan (o la Juve? non ricordo)….Se bastano queste assurdità a farvi contenti, fate pure, in questo momento non c’è dubbio che la santa alleanza Juve-Milan già presente nel calcio italiano persiste, ma di lì a dire che la maggioranza dei tifosi c’è l’abbia con l’Inter o ami….Lippi ce ne vuole, ma anche se così fosse ci sentiamo più forti, e felici quando vinciamo: chiaramente l’interista è di parte, come lo è lo juventino o il milanista il romanista ecc., ma che c’entra il tifo con l’intelligenza? Se Lippi o i suoi colori sono di merda è una semplice constatatazione che nasce dai loro comportamenti anti-etici e anti-sportivi, quindi di merda: voler paragonare illazioni (intercettazioni, passaporti per cui si è già pagato e che accomunano tante società tra cui la Juve, ecc.) e piccolezze varie al toto-scommesse ed a juventopoli-moggiopoli è una manipolazione che fa comodo a voi e a chi vi crede, sapete benissimo che non è la realtà.

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 10:01
    Permalink

    ” ma sentilo…se la juventus allora era la piu forte noi ADESSO siamo i piu forti quindi fareste meglio a tacere. ” 
    geniale argomentazione. Si vede che hai capito tutto.

    ” la juventus di cui tanto parli tu e i tuoi amici gobbi in europa nemmeno vinceva anche se in italia dominava ”

    Infatti e’ uguale. Ma non per voi, secondo la meravigliosa teoria che senza Moggi vi avrebbe visto vincenti per 30 anni di fila. 

    “inoltre se per te calciopoli è una cosa dubbia allora siamo a posto! ”

    Non e’ dubbia solo per gli interisti, se non ve ne foste accorti.

    ” via dei media che vi manipolano avendo voi e i gobbi i giornali e mandandovi un’immagine diversa dalla realtà ”

    Certo, e quando mai.  E non solo. Cito Bonimba:

    “Adesso che siete convinti che tutti sono antiinteristi, dimenticate che questo risultato potrebbe venir fuori, se vero, dalle manipolazioni quotidiane che dal dopo calciopoli si annidano nel nostro calcio: stravolgere sempre la realtà ” 

    Insomma.. tutta l’ Italia e’ rincoglionita da un maleficio al quale solo voi siete immuni.

    Grazie , amici interisti. Grazie per la luce che riportate nelle nostre realta’ offuscate. Grazie per la vostra opera di ricomposizione di una realta’ manipolata che nessuno, a parte voi, vede. Grazie per ogni considerazione, politica e sportiva, che lasciate ai posteri come baluardi di un mondo piu’ giusto e  pulito. 
    Hihi

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 10:54
    Permalink

    Per ringraziarci completamente prestami un’emittente non locale e dammi la possibilità di far vedere alla moviola tutte, dico tutte, le azioni dubbie o incriminate di ogni partita, così possiamo ricomporre la realtà e scoprire se è vero che ogni gara è stata decisa a favore dell’Inter, come spesso dite voi, almeno ci saranno le pari opportunità per tutti: non è colpa mia se (cito le tue parole) “tutta l’ Italia e’ rincoglionita da un maleficio” al quale – evidentemente – non siete immuni.

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 11:31
    Permalink

    TORINO, 10 ottobre – Con l’accusa di avere provocato il dissesto nelle casse di Meister Team, la società che per alcuni anni ha gestito i diritti televisivi della Juventus prima di fallire nel 2000, la procura generale di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio dell’ex amministratore delegato del club bianconero, Antonio Giraudo. L’udienza preliminare si aprirà il 26 novembre. Meister Team era di Fabrizio Gugliermetto, che ha già patteggiato due anni di reclusione, ma Giraudo, secondo gli inquirenti, ne era “l’amministratore di fatto”, e ora dovrà rispondere di una distrazione dai conti di tre miliardi e 760 milioni di lire dell’epoca, pari a un milione e 942 mila euro. Si tratta di somme finite a nove società svizzere, irlandesi, maltesi, spagnole, austriache e britanniche. La tesi, avallata da consulenze tecniche e dalle dichiarazioni dello stesso Gugliermetto, è che, in diverse occasioni, Meister Team sia stata penalizzata economicamente, nonostante avesse i diritti in esclusiva, a favore di quelle società.

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 11:38
    Permalink

    E con questo che vuoi venirci a dire? Ma quando ve la togliete l’aureola da testa, che siete ridicoli? Delle due l’una, o vi togliete l’aureola, che non se ne può più, o parlate con Ratzinger e vi fate santificare, non se ne può più…

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 11:38
    Permalink

    Ovviamente ce l’ho con l’abitante di Paperopoli…

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 11:40
    Permalink

    come si fa a paragonare un allenatore che in 50 anni ha vinto solo ed esclusivamente con moggi (il pregiudicato e pluricondannato per intenderci!) e senza di lui ha inanellato solo ed esclusivamente fallimenti (alcuni macroscopici come con l’inter e con il siena, città dalla quale è dovuto scappare nottetempo!) con uno che in pochi anni di professione ha già vinto di tutto….
    ________________________________
    bonimba il discorso sui media non lo capiranno….è fiato sprecato….sono accecati dalla disinformazione mediatica imperante…e purtroppo per loro non se ne rendono conto..
    pensa che c’è chi crede ancora che pirlo non sia costato 35 miliardi al milan!!!!….gli hanno raccontato la favoletta del cambio con guglielminpietro e loro……tutti dietro come pecorelle…
    beee beeeeeee beeee…..

    ma va là…..

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 11:47
    Permalink

    “””In sostanza ‘News Corporation’ colloca la propria sede strategica per l’Europa a Milano, a fianco della già esistente ‘Sky Italia‘ di cui detiene l’intero pacchetto azionario, siglando un sodalizio scontato visto il ruolo cruciale del capoluogo lombardo in ambiti come comunicazione ed editoria.”””

    ….con questo vuoi dire che anche l’inter ha potere mediatico?????????????????????????????????????
    ….se parli seriamente sei da ricovero!….
    ma sono certo che è invece il solito modo per evitare di rispondere (il tuo presidente insegna daltronde) ogni qualvolta l’evidenza dei fatti ti lascia senza favole da raccontare….pardon…..da ripetere!

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 13:36
    Permalink

    ..guarda.. e’ una questione di matematica. Tu fai almeno 2 o 3 interventi pieni di stupidaggini ogni volta che vuoi la mia attenzione. Lo stesso fanno almeno 2 o 3 tuoi amici. Per rispondere a tutto, e a tutti, dovrei passare le mie giornate qui.  Inoltre, come ho gia’ detto, preferisco lasciarvi nella parte dell’ ultimo giapponese. Combattete strenuamente contro l’ usurpatore mediatico… la storia vi rendera’ merito !!  🙂

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 14:02
    Permalink

    …come volevasi dimostrare!!!…
    nessun argomento, nessuna risposta!

    ..as usual…

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 14:08
    Permalink

    Apparte il fatto che Moggi ha a mala pena una condanna per violenza privata in primo grado ed escludendo questo non si può denominare come un pluricondannato altrimenti inizia pure ad elencare quali sono le sue condanne.
    Per quanto riguarda il discorso allenatore e giornalista posso solo dire che una volta che il CT diede retta ai giornalisti fu nel 1958 e l’Irlanda del Nord ci fece fuori. Mi dispiace ma il ct è lui e finchè vince ha ragione,certo vi vedo tutti con la bava alla bocca ad aspettare la sua prima sconfitta ma mi auguro che abbiate almeno il pudore nel caso e sottolineo nel caso dovessimo vincere di nuovo i mondiali di non mettere nemmeno piede fuori di casa per festeggiare, è chiaro che se veniamo umiliati e buttati fuori subito dal girone almeno la coerenza a scendere in piazza a festeggiare!!

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 14:19
    Permalink

    ” Mi dispiace ma il ct è lui e finchè vince ha ragione  ”

    Caro anonimo avventore… questo concetto, che e’ tanto legittimo quanto facile da comprendere, e’ gia’ stato scartato almeno una decina di commenti fa. Qui, vedi, non ha importanza SE si vince. Ha importanza CHI vince… perche’ in base a CHI vince.. si stabilisce COME ha vinto. Ed in base a CHI dice COME ha vinto, si decide SE ha vinto e CHI .    😉

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 16:04
    Permalink

    moggi ha cominciato a collezionare condanne
    (ahhhh maledetta prostituzione mediatica…ma tu guarda se deve toccare a me fare informazione libera in questo paese!hehehe)
    fin da giovinotto (ai tempi del torino) per una brutta storiaccia di arbitri comprati a suon di prestazioni sessuali offerte da compiacenti signorine!…
    ma tutto nel moderno spirito sportivo che contraddistingue la sua carriera……
    ^__*

    per carità nessuno in questo paese si scandalizza per qualche condanna……che vuoi che sia……siamo o non siamo nel paese di pulcinella????….

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 18:23
    Permalink

    “pensa che c’è chi crede ancora che pirlo non sia costato 35 miliardi al milan!!!!….gli hanno raccontato la favoletta del cambio con guglielminpietro e loro……tutti dietro come pecorelle…” C’è ancora qualcuno che non ha capito PERCHE’ l’Inter non ha vinto per 20 anni? Dai via Pirlo e Seedorf per un infornata di bidoni più soldi…

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 18:30
    Permalink

    “questa stessa affermazione che prende per pazzi imbecilli coloro che non credono allo “spirito sportivo” che può avere un vero tifoso ricco, applichiamola per favore alla “discesa in campo” di AL TAPPONE, perchè i suoi adepti credono che il loro vate non abbia avuto o cercato un “ritorno”, ma lo abbia fatto per il bene della collettività….e di fronte a tali verità oggettive quelli considerati di sinistra (magari sono solo anti-illegittimità berlusconiane) dovrebbero vergognarsi delle “mancanze” dei loro politici?”.
    Caro Bonimba, confermi una volta di più il parallelismo che ho fatto fra una certa tifoseria (la vostra) ed una parte politica: io non credo che nessuno sia mai entrato nel mondo del calcio tanto per scialacquare un centinaio di milioni, così come non ho mai pensato che Berlusconi sia entrato in politica per il bene della società, allo stesso modo di tutti i politici di professione – vuoti a perdere, che nella loro vita quasi mai hanno prodotto un cazzo: io lo ammetto con serenità in entrambi i settori per tutti gli attori, tu la vedi a senso unico e, permettimi, sbagliato.

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 20:40
    Permalink

    Dai Hu-Ha forse con te non mi sono troppo divertito a zittirti allora voglio raccontarti tutte le inchieste su Moggi.
    Dai iniziamo, Lucianone, attivo nel calcio ad alti livelli fin dagli anni ’70, ebbe i primi problemi giudiziari solo attorno alla metà dei ’90, e solo a causa delle disavventure di Borsano per Tangentopoli. Per gli anni al servizio di Borsano veniamo così a sapere che Moggi venne indagato per 5 ipotesi di reato. Le archiviazioni furono 3: “Sfruttamento della prostituzione” e “Frode sportiva” per la chiacchierata vicenda delle prostitute agli arbitri; “frode fiscale” per la fatturazione di “acquisti fantasma” (che però, si intuisce, vennero emesse allo scopo di evitare di fare del nero a causa di cervellotiche regole federali sulla comproprietà dei giocatori!). Una quarta accusa, “Falso ideologico”, e sempre per gli “acquisti fantasma”, finì col non luogo a procedere nel ’94, previa una multa di 300.000 lire. Solo per la quinta, “frode fiscale”, per la gioia dei tanti frustrati diversamente abili interisti, venne almeno rinviato a giudizio assieme a Borsano. Ma il divertimento finisce ancor prima di cominciare, perché la questione venne sbrigata con un patteggiamento di 5.250.000 lire. Salta così facilmente agli occhi che le lievi multe (5.550.000 lire in tutto) che Moggi finì per pagare per quegli anni riguardano irregolarità contabili attribuibili alla disgraziata gestione nella quale si trovò a operare, e non certo frodi sportive.
    Sulla questione prostitute, sinceramente, dei dubbi restano, Anzi, stando ad alcune testimonianze fotocopiate dalle carte della procura, sembrerebbe che in almeno un caso un arbitro internazionale abbia fatto il galletto. Ma che la cosa sia stata organizzata e voluta da Moggi a fini di frode sportiva è una pura – ennesima – illazione, e non si capisce perché la sua versione, secondo la quale si limitò a dare ai suoi collaboratori l’autorizzazione ad assumere interpreti per accogliere squadra ospite, delegazione Uefa e arbitri, debba essere quella falsa. Di certo, la tua affermazione Hu-Ha sulla questione non è delle più imparziali considerandolo addirittura condannato. Inoltre, come tutti possono ricordare: non era stato lo stesso Borsano a lamentarsi di Moggi perché “non compra gli arbitri“?
    Tanto più che, guarda un po’, il più grave scandalo sportivo che segnò quella stagione granata, e cioè l’affare Lentini, vide Lucianone del tutto estraneo, nemmeno indagato, sicché alle varie prostitute intellettuali non restò che ricorrere all’ormai classico: “Strano che non ne sapesse niente“. aver sbagliato con Borsano, purtroppo Lucianone ebbe la cattiva idea di perseverare: scelse di andare a lavorare per la Juve, e cioè la squadra più invidiata e diffamata d’Italia. A titolo personale, nel periodo bianconero viene scagionato da 4 accuse: “favoreggiamento” per una querela di Marco Travaglio a Giraudo (assolto perché il fatto non sussiste); “frode sportiva” per un’inchiesta di Guariniello sui meccanismi di designazione del campionato dei piagnoni ’97-’98 (archiviazione); “concorso in bancarotta fraudolenta” per l’indagine sul Como di Preziosi (archiviazione nel 2005); ancora “frode sportiva”, ancora la procura di Torino (e ancora archiviazione nel luglio 2005).
    Riepilogando Moggi è passato attraverso 2 oblazioni, 3 assoluzioni, 9 archiviazioni.
    Fatti na risata te adesso.

    Reply
  • 12 Ottobre 2009 at 20:43
    Permalink

    caro joker noto con piacere che hai tralasciato una parte fondamentale del mio discorso prima dici che tutta italia odia l’Inter poi dici che quasi tutta italia sostiene che calciopoli sia una farsa…ti ripeto di andare a vedere la partita juve-inter del ’98 e poi vediamo che dirai. se dopo quella avrai il coraggio di parlare allora avremo la conferma della tua poca intelligenza…

    Reply
  • 13 Ottobre 2009 at 10:48
    Permalink

    Che il patteggiamento o la scadenza dei termini per prescrizione coincidano con la piena assoluzione è tutto da dimostrare, non ci riescono nemmeno i migliori studiosi e giuristi del mondo, per quanto riguarda il parallelo fatto tra calcio e politica, sono stato costretto ad evidenziare alcune cose, ma non vuol dire che io la veda “a senso unico” perchè nel mio dicorso non c’entrava niente inserire i “politici di professione” magari di sinistra. Di questo passo qualunque soggetto scoperto a delinquere può sempre contrattaccare cercando d’infangare il prossimo ed autoritenersi innocente, è la tattica degli amici del Berlusca, chessò paragonare le malefatte mignottesche della D’Addario ai comportamenti che ha avuto con Lei e le altre un Presidente del Consiglio….

    Reply
  • 13 Ottobre 2009 at 12:05
    Permalink

    x biscione
    A parte il fatto che , tanto per cambiare, non hai capito le mie parole. Io non ho detto che tutta l’ Italia odia l’ Inter, ne’ che calciopoli sia una farsa. Penso che l’ Italia abbia ben di meglio da fare. Ho detto che gli interisti sono gli unici a non comprendere che il peso delle accuse uscite da calciopoli e’ molto limitato, e soprattutto che si tratta di “molte accuse e poche certezze”. Un tribunale sportivo non ha bisogno di essere garantista, perche’ si scrive le regole da se’. E la dimostrazione sta nel fatto che non esiste un codice di procedura relativo a questo tipo di ” processi “. Ma comprendo, senza entrare troppo nei meriti, che la cosa ti interessa poco.
    Nella tua frase : ”  ti ripeto di andare a vedere la partita juve-inter del ‘98 e poi vediamo che dirai. se dopo quella avrai il coraggio di parlare allora avremo la conferma della tua poca intelligenza… ”
    si evince tutto. Se la tua idea e’ di dimostrare le accuse di calciopoli guardando una partita.. fammi un favore.. lascia perdere me e la mia intelligenza.  Io mi limito solo ad osservare che partendo da una conferenza del ct della nazionale di calcio fate collegamenti fino alla D’ Addario.  Ed io di corrervi dietro in questi deliri non ho voglia.

    Reply
  • 13 Ottobre 2009 at 21:32
    Permalink

    non dico che calciopoli sia solo quella partita ma sia piuttosto rappresentata da essa e quella partita è stato il culmine i gobbi si lamentano dello scudetto che ci hanno assegnato ma ci hanno solo restituito quello rubatoci nel ’98 ecco tutto

    Reply
  • 15 Ottobre 2009 at 10:05
    Permalink

    In quell’Inter-Juve dell’andata West sale in cielo nella propria area per allontanare di testa e si trova sotto un attaccante che non arriverà mai sulla palla e che non si comprende se faccia ponte o alla fine deve arrendersi di fronte al salto aereo del difensore: in ogni caso, l’episodio non venne nemmeno preso in considerazione da qualsiasi moviola, e poichè all’epoca prendevo già appunti in materia, stanco di vedere una squadra normalissima e con un allen. arrogante trionfare e usare toni trionfalistici e presuntuosi, aggiungo al post 5 pagine della MOVIOLA, in sintesi e personale, scrupolosamente esaminata ai tempi e lasciata ai posteri perchè non si lascino ingannare dai “revisionisti”.
    E’ chiaramente una moviola di parte a seguito delle immagini allora disponibili, che cerca di essere oggettiva e talmente sportiva, che alla fine, nel conteggio dei furti, ne condona, perchè umanamente possibili, ben la metà, e pure considerando inammissibili gli errori di solo due gare finali (su 34 !) risulta che non avrebbe vinto quello scudetto proprio la Juve o chiunque altra, ma l’Inter di Simoni e Ronaldo.

    Ricettazione juventus ’98
     
    ANDATA:
     
    1^ giornata:
    Inter-Brescia 2-1 (vittoria un po’ di fortuna, anche se con palo di Ronaldo, così come il 2-0 di Juve-Lecce maturato negli ultimi minuti), gol annullato a Ronaldo: perché? Per un normale spalla a spalla col difensore? – Errore Ininfluente grazie alle altre reti.
     
    2^ g.:
    Bologna-Inter 2-4 con i due gol di Baggio, per es., grazie ad una punizione ed un rigore inventati – E. I. grazie alle altre reti.
     
    3^ g.:
    Inter-Fiorentina 3-2 con tre pali della Fiorentina e West che poteva/doveva essere espulso = fortuna.
     
    4^ g.:
    Sampdoria-Juve 1-1 con pareggio bianconero oltre il tempo regolamentare = fortuna.
     
    5^ g.:
    Inter-Lazio 1-1 con rigore netto (su Moriero che intelligentemente cerca il contatto col portiere in uscita) trasformato, ed annullato altro gol regolare di Ronaldo per lo stesso motivo della 1^ col Brescia = 2 punti in meno Inter.
     
    8^ g.:
    Atalanta-Inter 1-2 con almeno un rig. su Ronaldo ed ingiusta espulsione di Djorkaeff (tutti hanno sottolineato, invece, il 3-1 di pali per l’Atalanta ed il gol vittoria alla fine) – E. I. (e gol-vittoria di fortuna all’88° in Napoli-Juve 1-2).
     
    9^ g.:
    Inter-Milan 2-2 (traversa Inter) con rigore pareggio del Milan su tuffo di Albertini…equiparato al rig., più evidente, prima concesso all’Inter! La Juve pareggia in casa col Parma col solito gol nei minuti finali.
     
    10^ g.:
    Milan-Juve 1-1 con rigore stavolta non dato al Milan = 1 punto in più Juve.
    In Vicenza-Inter 1-3 è stato giustamente annullato un gol al Vicenza che ha colpito un palo ma su rigore omaggio, quindi altro E. I. contro l’Inter.
     
    11^ g.:
    Sampdoria-Inter 1-1 rigore inventato per il gol della Samp. (e gratuita espulsione di Simeone) – Juventus-Lazio 2-1 due gol: uno forse in fuorigioco ed un rigore regalato (e Lazio in 10). Infatti, Del Piero viene atterrato dal portiere, l’arbitro fa proseguire per il vantaggio perché la palla è andata ad Inzaghi che solo davanti la porta colpisce il palo: ebbene, dopo tutti questi secondi, il “venduto” fischia il rigore dimenticandosi della regola del “vantaggio” appena usufruita dalla Juve = SIAMO ALLE COMICHE, ma…..davanti a milioni di telespettatori che, ormai, hanno i mezzi per giudicare! Quantomeno si evincono due rigori omaggio (trasformati), uno per la Juve ed uno contro l’Inter: cioè 2 punti Juve in più / 2 p. Inter in meno.
     
     
    13^ g.:
    Udinese-Inter 1-0 con gol al 92° (stavolta l’Italia dei competenti è contenta), la Juve batte in casa l’Empoli 5-2 partendo con due reti in fuorigioco (uno è del cannoniere Del Piero) – E. I. pro Juve.
     
     
    14^ g.:
    Inter-Juventus 1-0 = dov’è la grande e compatta Juve dal bel gioco? Viene espulso Cauet su provocazione di Tacchinardi mentre erano da espellere contemporaneamente Bergomi e (l’attaccante) Inzaghi. Lo juventino segna a gioco fermo, dopo il fischio dell’arbitro, e dopo essersi aggiustato la palla col braccio, in modo evidente, su cross in area.
     
    15^ g.:
    Juve-Vicenza 2-0 con primo gol, che sblocca, su rigore nettamente inventato (in Piacenza-Inter 0-1 non è stato espulso il rude Vierchowod, e palo di Moriero) – E. I. pro Juve.
     
    16^g.:
    Inter-Bari 0-1  con gol-beffa quantomeno dubbio per intervento sul portiere, ed intanto non è stato dato rigore su Ronaldo = almeno 1 punto in meno Inter.
     
    17^ g.:
    Empoli-Inter 1-1 con ancora gol-dubbio concesso agli avversari dell’Inter (al terzo minuto), un gol annullato a Ronaldo (questo sì non concesso: alla Juve sarebbe mai successo?) e due interventi da rigore in area dell’Empoli sul quale si è sorvolato.
    Juve-Atalanta 3-1 con seconda rete su rigore quasi-omaggio, la terza al 92° e soprattutto la prima in fuorigioco, insomma fortuna (e basta?). Due punti in meno all’Inter.
     
    TOTALE: A VOLER ESSERE MAGNANIMI 7 punti rubati all’Inter, tre punti rubati dalla Juve (tutti per evidenti errori arbitrali), sorvolando su Errori Ininfluenti e fortuna!
     
    N.B.: tre gol regolari non assegnati all’esordiente Ronaldo (due dei quali determinanti in classifica) con i quali il brasiliano avrebbe vinto la classifica cannonieri davanti all’udinese Bierhoff.
     
     
    RITORNO:
     
    1^ g.:
    Brescia-Inter 0-1 con assurda espulsione di Moriero (anche l’avversario della Juve, il Lecce sconfitto per 0-2, è rimasto, guarda caso, in 10!).
     
    2^ g.:
    Juve-Roma 3-1 – ben due rigori non dati ai giallorossi, il più evidente sul 2-1, ed espulso solo un romanista graziando invece i falli dei bianconeri, in particolare di Zidane = 2 punti in più Juve.
     
    3^ g.:
    Fiorentina-Inter 1-1 – c’era rigore su Simeone ma l’arbitro lo ha ignorato = 2 p. in meno Inter.
     
    5^ g.:
    Lazio-Inter 3-0 – sul 2-0 ignorato rigore su Ronaldo che, forse, poteva riaprire la partita (assurda l’espulsione di Milanese al 92°: grande Collina, che, quindi, favorisce la Lazio=squadra di casa! Da vedere, poi, cosa succederà, invece, in Lazio-Juve).
     
     
    6^ g.:
    Inter-Napoli 2-0 – assurde proteste napoletane sul primo gol perché nessuno poteva immaginare che nell’area opposta ci fosse ancora un avversario a terra per un precedente e normale scontro aereo: anzi ci sarebbe pure stato, nella partita, un rig. su Galante!
    Juve-Bari 1-0 –  vergognosa vittoria dei bianconeri (da tempo in silenzio-stampa sulla moviola, dopo le sparate dell’ex giallorosso Peruzzi, prima della gara con la Roma: certo, e cosa dovrebbero dire…!) con autogol ed avversari in 10 mentre, invece, non è stato espulso un bianconero!
     
     
     
    7^ g.:
    Parma-Inter 1-0 – per la prima volta: rigore regalo all’Inter (anche se dalla sua posizione, l’arbitro deve aver visto il fallo) ma Ronaldo (!) se lo fa parare = sulla respinta ci sarebbe stato, per onestà, rigore netto su Simeone ma l’arbitro non se l’è sentita. Nel primo tempo, però, ha ritenuto doveroso annullare un gol di testa dello stesso Simeone, reo di aver sfiorato con le mani la spalla del difensore: quando, poi, segna il gol-vittoria, Crespo forse si aiuta con le mani ed anche in questo caso l’arbitro non se la sente di andare contro l’inferocita tifoseria locale, così incompetente da pretendere, in precedenza, un rigore per evidente “non” fallo di mano (ma di petto) di zio Bergomi = mettiamola così: sfortuna (ad Udine, invece, la Juve pareggia a tempo scaduto).
     
    8^ g.:
    Juve-Napoli 2-2 – con due pali del Napoli di cui 1 era forse gol: il secondo gol juventino ricalca quello annullato all’Inter a Parma ed inoltre c’era il grande Del Piero da espellere = potrebbe esserci 1 punto in più Juve.
     
    9^ g.:
    Inter-Milan 3-0: il Milan prende tre gol e chiede, infatti, tre rigori, definiti pure dalla moviola assurdi!
     
    10^ g.:
    Inter-Vicenza 2-1: è vero che il rigore, netto, della vittoria è venuto al 92° ma prima c’era almeno un altro penality non dato. Piuttosto, è stata nettamente favorita la Juve, che vince 4-1 in casa col Milan ma ben due gol (prima del quarto, ormai d’accademia) nascono: uno da un netto fuorigioco con l’arbitro che fa continuare e poi concede il rigore, l’altro col solito fuorigioco di Inzaghi.
     
    11^ g.:
    SCANDALOSO Lazio-Juve 0-1: Collina (vedi, invece, la quinta di ritorno) definisce “pallone che va incontro alla mano e non viceversa” un netto blocco da pallavolo di Iuliano (assurto in Nazionale) & C. che si disinteressano di tutto pur di saltare a braccia elevate sul distante colpo di testa di Casiraghi diretto in porta. Inoltre espelle un laziale e grazia i vari “porci” Di Livio e Davids! In Inter-Samp 3-0 ci sono sospetti di fuorigioco sul terzo gol di Ronaldo, ma misteriosamente è stato annullato il gol di Zanetti sullo 0-0!  =  Nettamente due punti in più Juve: giustamente, avvicinandosi la fine del campionato bisogna stroncare sul nascere le velleità delle/a inseguitrici (come accadde lo scorso anno con la lotta Juve-Parma e gli errori arbitrali, in partite-chiave, negativi per il Parma che assegnarono il campionato ad una normalissima “squadra da 7 sconfitte”)!
     
    12^ g.:
    Roma-Inter 1-2: gol del pareggio romanista non annullato nonostante il fallo su Bergomi! In Juve-Piacenza 2-0 si sfrutta prima un autogol e poi l’intervento di Del Piero forse con la mano sulla 2^ rete (i ruffiani giornalisti hanno parlato di gol da manuale del calcio)!
     
    13^ g.:
    Inter-Udinese 2-0: probabili due rigori (uno per parte) non concessi.
    SCANDALOSO Empoli-Juve 0-1: cambiando i fattori non cambia il prodotto! E’ vero che probabilmente c’era poi un rigore per la Juve (che avrebbe, comunque, dovuto trasformarlo), ma un ben piazzato Rodomonti non vede oltre la linea un gol netto (respinto lo stesso dal portiere) che “avrebbe notato pure un monocolo con occhio socchiuso” (espressione usata, persino, dalla Radio Vaticana in occasione del “fallo grave” su Ronaldo alla 14^). Considerando però tutto, si deve parlare purtroppo di E. I..
     
    14^ g.:
    SUPER-EXTRA-SCANDALO nello scontro diretto = Juve-Inter 1-0. Dopo il gol juventino si è giocato ad una porta e, nella ripresa, un tipico intervento da manuale del calcio sui falli da rigore non viene punito dal toscanaccio Ceccarini: Iuliano stende Ronaldo disinteressandosi del pallone che va da altra parte, e, continuando l’azione, con l’allen. dell’Inter entrato in campo (quindi il gioco era da fermare) l’arbitro fa continuare finchè Del Piero entra nell’area nerazzurra per cercare il contatto. Colpito, infatti, al petto dalle leve di West, si tuffa come se fosse stato sgambettato e quel provocatore della giacchetta nera (trascorsi pochi secondi dal solare penality ignorato) ha il coraggio di concedere il rigore alla squadra di casa: allora ferma il gioco e poi espelle Simoni e l’allen. in seconda (nuova personale interpretazione del regolamento, come aveva fatto Collina). Dopo espellerà pure Ze Elias, mentre Davids no (anzi, Simeone da lui subisce fallo e viene pure ammonito): ignorato un intervento coi tacchetti di Inzaghi su Colonnese che resta a terra sanguinante e non riceve alcune scuse! Intanto Del Piero si è fatto parare il rigore (che, a quel punto, doveva essere ripetuto perché Colonnese entra entrato in area prima del tempo). Tutto ciò che ne è seguito ha portato pure alla beffa di numerose squalifiche, che in parte sono state condonate tranne che agli allenatori dell’Inter, a Zamorano ed a Ze Elias. L’Inter, con la trasformazione del rigore, sarebbe rimasta sotto di un punto ed in attesa di colpire nelle partite finali, visti gli impegni della Juve ormai alla frutta.
    Invece, 1 punto in meno Inter / due punti in più Juve: è quasi scudetto!!!!
     
    15^ g.:
    Inter-Piacenza 0-0: ormai i nerazzurri sono pure spreconi, e nel finale, su punizione, un piacentino in area alza le braccia solo per deviare il pallone (è pallavolo, ormai) e l’arbitro..fa continuare. Due punti in meno Inter.
     
    16^ g.:
    Bari-Inter 2-1: con la notizia, a 15 m. dal termine, della matematica conquista dello scudetto, l’Inter, che vinceva in trasferta, prende due gol in quattro minuti (negli ultimi 10), mentre a Torino il solito “affossatore di attaccanti in area” Iuliano viene normalmente graziato. Sarebbe finita diversamente?
     
    17^ g.:
    Inter-Empoli 4-1: solo per segnalare la concessione benevola di un rigore per parte (evitabili!).
     
    TOTALE: 5 punti rubati all’Inter, sette punti rubati dalla Juve (tutti per evidentissimi errori arbitrali: ad occhio nudo e senza l’ausilio della moviola), sorvolando su Errori Ininfluenti e fortuna!
     
    SUPER TOTALE CAMPIONATO ‘97-’98:
    probabili 12 PUNTI arbitrariamente sottratti all’Inter –
    probabili 10 PUNTI arbitrariamente assegnati alla Juve – Classifica finale, quindi, che dovrebbe vedere la Juve a 64 punti e la magica Inter a quota 81, ma: anche a voler considerare accadimenti inevitabili solo la metà degli errori arbitrali, tutti, invece, unilaterali, la Juve si fermerebbe a quota 69 e l’Inter andrebbe a 75 punti (in ogni caso, sanando solo le decisioni anti-Inter: un punto in più, cioè scudetto, dei 74 punti raggiunti effettivamente dai bianconeri). A voler ignorare, poi, tutte le considerazioni precedenti e limitandosi ai 5 punti di distacco finali, sarebbero bastati due arbitraggi corretti nello scontro diretto (3 p.) e nel successivo Inter-Piacenza  (2 p.) per uno spareggio-scudetto tra Inter ed una Juve già cotta! INVECE, NELL’ALBO ED A MEMORIA DEI POSTERI RESTERA’ LA VITTORIA NEL CAMPIONATO ‘97-’98 DELL’OPERAIA, UMILE ED INGIUSTAMENTE CRITICATA JUVENTUS DI LIPPI, l’allenatore che vorrebbe un monumento per i suoi giocatori (quelli che vincono “non a parole”, ma, direi, col 12° Uomo!) i cui sacrifici e talento sono unici: perché gli altri componenti delle formazioni avversarie non hanno fatto, forse, uguali, o superiori, sacrifici per raggiungere dei traguardi che, poi, si sono visti sfuggire per motivi che nulla hanno a che vedere con lo sport ed i c.d. errori della terna arbitrale che durante una stagione si dovrebbero compensare?
     
    Lippi, con la sua modestia, si è reso conto che la squadra degli Agnelli è dall’inizio della storia del calcio che si trova solo “in debito con le decisioni” che poi salvano una stagione? E come si permette di paragonare l’Inter di Herrera e Moratti con la sua squadretta super-aiutata, quando quell’Inter anni ‘60, pur così forte, si vide sfuggire alcuni meritati scudetti a vantaggio della sponsorizzata Juve (e del Bologna, nell’evitabile famoso spareggio) mentre a capo della Lega c’era uno degli Agnelli?
    Sono talmente meritati gli scudetti bianconeri che, per conquistare una Coppa dei Campioni, alla Juve è servito: prima, l’olocausto dei suoi tifosi per la vittoria di “rigore” (per l’atterramento due metri fuori dall’area di Boniek) di Bruxelles; poi, la possibilità di giocare la finale in casa (a Roma) e di vincere semplicemente “ai calci di rigore”; ed, inoltre, un qualsiasi modesto Amburgo o Borussia Dormudt, oppure un Real Madrid che non ha nulla da spartire con quello sconfitto a Vienna per 3-1 da Mazzola & C., è in grado di aggiudicarsi il trofeo europeo ai suoi danni: ed è inutile invocare presunti rigori non concessi, come col Borussia, perché non ad ogni caduta cercata in area corrisponde un penality, specie se si è “fuori dall’Italia”; infine, nel gol madrileno, Mijatovic è stato subito rimesso in gioco dalla palla toccata dal difensore, a parte il fatto che già nel 1° tempo c’era un rigore netto per il solito placcaggio in area da parte di Iuliano!
     
    Eppure ai Mondiali di Francia ’98 (eliminati dai fortunati padroni di casa, ma grazie all’arrendevolezza ed alle scelte sbagliate del nostro C.T.) andranno, oltre ai meritevoli, “carneadi” quali Pessotto e Di Livio, bianconeri che, se avessero giocato con la maglia dell’Udinese (terza classificata), non vedrebbero nemmeno da lontano la Nazionale: tant’è che, durante il campionato, si sono spesso alternati, non essendo dei titolari fissi nemmeno nella Juve. Il buon selezionatore Maldini  – che, notiamo, non….si fa influenzare dalla “politica” – lascia a casa, invece, Benarrivo (Parma), Fuser (Lazio) e Zola (Chelsea), giocatori di esperienza e che hanno contribuito alla qualificazione italiana, oltre a giovani quali Montella (Sampdoria) oppure Totti (Roma) perché, al contrario, ritiene anche: che non sia esordiente un certo Cois (1 partita) e determinante Inzaghi l’opportunista (con meno gol, in due campionati, rispetto, per es., al mai considerato Montella).

    Reply
  • 15 Ottobre 2009 at 10:34
    Permalink

    Bonimba, sei al delirio più assoluto! Dal tuo sproloquio si capisce che, ogni anno, avremmo dovuto avere 30 punti in meno, visto che anche le partite vinte con due gol di scarto o più tu le metti in discussione, mentre voi, poveracci, siete stati derubati di almeno 20 punti. Sorvoliamo sulle Coppe dei Campioni che abbiamo vinto, lascia stare l’Heysel mentre è evidente che la finale di Roma con l’Ajax l’hai vista con gli occhi dell’interista fanatico. Convocazioni al Mondiale 2008: ma ti risulta che, con Baggio e Del Piero, che te ne facevi pure di Zola e Totti? Ti risulta che, ai Mondiali del 1998, Del Piero si presentava come la super-stella insieme al vostro Ronaldo (che poi abbia fallito, anche per l’infortunio nella finale col Real, è un altro discorso)? Ti risulta che Inzaghi e Del Piero, fra campionato e coppe, segnarono quell’anno più di 50 gol, e che c’era fra l’altro in circolazione un certo Bobo Vieri capocannoniere della Liga? Dove lo mettevi Montella?
    La cosa più bella, poi, è il giudizio sulle squadre che ci hanno battuto in finale: noi abbiamo perso le FINALI, voi l’ultima l’avete giocata nel 1972, abbi un po’ di pudore e autocensurati su questo argomento…

    Reply
  • 15 Ottobre 2009 at 11:10
    Permalink

    I punti assegnati o sottratti si riducono poi a sei o cinque, non sparare cifre quali 20 o 30 punti: tu puoi parlare dell’ultima finale in C.C. dell’Inter ed io non posso annunziare la vostra prima vittoria dopo vent’anni dalla nascita del trofeo ed in che modo è arrivata? Quei commenti finali al testo (RICETTAZIONE J. ’98) sono dell’epoca, non ho tolto nulla, e stai sicuro che erano certamente più freschi dei ricordi o considerazioni che possiamo fare oggi, tant’è che siamo usciti da quel Mondiale, che Baggio veniva ignorato dal CT, che le considerazioni che fai su Zola e Totti sono le stesse che oggi sento per Cassano o altri, che Del Piero faceva schifo come sempre ma aveva il posto garantito (le sue magie, quali? Buttarsi giù al soffio del vento e poi trasformarne le punizioni o i rigori? Bel mito che vi siete scelti, degno di una squadra ladra…). Montella era un furetto ed un rapinatore da area da rigore, manca la controprova che in azzurro non avrebbe potuto ripetere le gesta di chi, come Rossi, gli somigliava ma gli fu data l’opportunità (guarda caso, era un bianconero, che strano…: ci siamo sorbiti gli esordi in Nazionale di gente come Marocchino prima e Marchionni poi, mentre per Beccalossi e Cassano si stendeva e si stende un velo perchè non….funzionali al gioco o al gruppo!). 

    Ti aggiungo l’editoriale del Corriere dello Sport, non certo un giornale simpatizzante per l’Inter o contro Lippi, anch’esso è delirante se ha sui coglioni l’allenatore viareggino bianconero?
    _______________________________________________________
    “Si rivedesse, Marcello Lippi, il suo show alla fine della partita. Con lo sguardo feroce, scrollandosi di dosso Carlo Paris che cercava di avere un chiarimento, se l’è presa con chi «in­vocava altri giocatori » , arrivando a parlare di vergogna. Solo negli spo­gliatoi, provando ad allargare il di­scorso, il Ct ha accennato a qualche coro sgradevole dei tifosi, che per la verità nello stadio era passato com­pletamente inosservato. La verità è che a Lippi non andava giù che qual­cuno potesse non accettare di perde­re 2-0 contro Cipro e si contestassero le scelte: per il Ct tutto questo è ver­gognoso.
    Di inaccettabile, e usiamo volonta­riamente un termine molto più ele­gante che efficace, c’è invece soltan­to il comportamento di Lippi, che or­mai è convinto di essere il padrone del calcio nazionale. Così se i giorna­listi, facendo da tramite alle curiosi­tà della gente, chiedono di Cassano, si sentono rispondere che hanno stufa­to. Così se i tifosi invocano altri gio­catori che lui non ha scelto, si sente in diritto di attaccarli pesantemente. Un peccato che il presidente Abete ­l’attenuante è di non aver visto la sce­na in Tv – abbia provato a prendere le parti del suo allenatore. Nel processo di disamore che accompagna la na­zionale, denunciato proprio da Lippi, forse pesa anche l’atteggiamento al­tezzoso del Ct. Un Commissario tecnico a cui inve­ce, in nome della sua indiscutibile bravura, il calcio italiano sta perdo­nando tutto. Di aver lasciato la Nazio­nale dopo i Mondiali, di essersi pro­posto e riproposto per riprenderla ( come tutti sapevano da tempo) il giorno dopo dell’esonero di Donado­ni, di avere già in testa il prossimo addio dopo il Sudafrica. Come se la nazionale italiana fosse un taxi da cui scendere e salire, senza dover dare spiegazioni. Chissà se anche alla do­manda del presidente Abete, «Allora, rinnova il contratto con la naziona­le? » , risponderà di essersi stufato o giudicherà l’insistenza come una ver­gogna.
    Corra il rischio, Abete, ma lo faccia subito. Perchè il calcio italiano non può essere prigioniero neppure di un campione del mondo.”

    Reply
  • 15 Ottobre 2009 at 12:51
    Permalink

    Mi correggo: la 1^ C.C. Juve arriva dopo trent’anni dal 1955, le inglesi furono poi escluse dalla Coppa fino al 90 e 91 il Liverpool, cioè rientrarono con le edizioni ’91 e ’92, ma sino a tutto il ’96 (cioè l’altra Coppa vinta dalla Juve) furono danneggiate dalle regole UEFA che consideravano stranieri i giocatori scozzesi, gallesi e irlandesi che militavano in squadre inglesi, poi arrivò la sentenza Bosman e tornarono competitive. Questo, per analizzare un po’ meglio la storia.

    Reply
  • 15 Ottobre 2009 at 18:34
    Permalink

    Tanto per capirci: uno come Alessandro Del Piero non lo avete mai avuto nella vostra storia, ha vinto tutto ed ha segnato tantissimo. Un esempio di campione, sia in campo che fuori. Vi siete esaltati per 10 anni con quella mezza sega di Altobelli, quindi… Beccalossi mai in Nazionale è stata una GENIALE intuizione di Bearzot, che ha capito che trattavasi di un mezzo giocatore: mai portato in Nazionale, abbiamo vinto il Mondiale.
    Ma quanto vi fa rosicare Marcello Lippi? Si qualifica con l’Irlanda al 90′, con una giornata di anticipo, va sotto 0-2 con Cipro, poi mette dentro qualcuno dei suoi giocatori “storici” e vince 3-2… Si mette a sbraitare verso i tifosi che volevano Cassano (quello che agli Europei di un anno fa giocò 4 partite su 4 e non fece un tiro in porta, nè un assist nemmeno a spararlo… fa nulla, mica è juventino, mica si chiama Alex Del Piero!), verso i fischi per una partita diventata un’amichevole e fa bene. Grande Lippi, il più grande di tutti. E fa benissimo a sbattervi la realtà in faccia, a ricordarvelo sempre: CAMPIONI DEL MONDO, campioni del Mondo… Fa nulla che fra 9 mesi non lo saremo più, sono quasi 50 anni che non si verifica un bis al Mondiale, ma quello che ha vinto resterà per sempre ed avrà sempre il diritto di dire a tutti i detrattori e, in primis, a voi interisti, come il Marchese del Grillo: Io son chi sono, e voi non siete un cazzo!!! 

    Reply
  • 28 Novembre 2009 at 03:24
    Permalink

    salve, ho letto un pò di commenti al riguardo. ma non ho fatto altro che ascoltare baggianate da 4 soldi, juve, inter, lippi, cassano, calciopoli, tutte fesserie. nell’articolo si parla di chi fa bene il proprio lavoro, e lippi viene descritto come uno qualsiasi che ha vinto “solo” un mondiale e che per arroganza non porta cassano. ma vi siete mai chiesti quale sia il lavoro di un allenatore/selezionatore: il lavoro di un c.t. è quello di mettere insieme una squadra secondo uno schema vincente, e NON QUELLO DI CHIAMARE I PIU’ BRAVI SINGOLI, perché per chi non ne capisce molto di calcio(e qui siete in molti), chi vince è la squadra e non i singoli, prendete per esempio il mitico REAL MADRID ha speso fior fiori di quattrini e poi…..cristiano ronaldo, kakà, xabi alonso, benzemà…..tutti grandissimi giocatori, e sicuramente verrebbe subito in mente di portare questa gente al mondiale per chi non è competente, ma adesso il real cosa ha fatto? è stato battuto e buttato dalla coppa del re da una squadra di seconda divisione per ben 4-0!!!!!!!!!! e questo dimostra che è la squadra che vince NON IL SINGOLO. lippi non è il primo venuto, a cui si prende e gli si criticano le scelte, le sue scelte e ripeto le SUE SACROSANTE SCELTE CHE CI HANNO FATTO VINCERE UN MONDIALE!!!!!!!!!!!!!!e quindi gli dobbiamo portare rispetto perché è riuscito dove molti super allenatori hanno fallito, e quando decide di non convocare cassano(e con tutto rispetto all’europeo non fece nulla), fa bene e bisogna accettarlo anche perché vi ricordo che il mondiale 82 non c’erano nomi noti come beccalossi, CAMPIONI DEL MONDO

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*